domingo, 15 de noviembre de 2015

TOMASO KEMENY [17.519] Poeta de Italia


TOMASO KEMENY

Nació en Budapest en 1938. Desde 1948 vive en Milán y es profesor de Inglés Lengua y Literatura en la Universidad de Pavía. 

Poesía

Suspense estensive o intensive, il periplo, Milano,1969
quando, tool edizioni, Milano, 1970
urlando sodomia, e.r. sampietro editore, Bologna,1971
The Hired Killer’s Glove - Il guanto del sicario, Out of London Press, New York-Norristown-Milano, 1976
Qualità di tempo, Società di Poesia-Guanda, Milano,1981
Recitativi in rosso porpora, Campanotto, Udine,1989
Il libro dell’angelo, Guanda, Parma,1991
Melody, Marcos y Marcos, Milano, 1998
La rima non scalda, Dialogolibri, Olgiate Comasco, 2000
Eterna disarmonia, con sette disegni di Mauro Staccioli, Signum edizioni d'arte, Bollate, 2000
Desirée, Lietocollelibri, Faloppio, 2002
Se il mondo non finisce, quaderni del circolo degli artisti di Faenza, Faenza, 2004
La Transilvania liberata, Effigie, Milano, 2005 (segue traduzione ungherese e tedesca)
Erdély aranypora, traduzione in ungherese di E. Szkàrosi, a Dunànàl, IJK, Budapest-Kolozsvàr, 2005
La morte è un’altra cosa, ETS edizioni, Pisa, 2007
Seme oscuro, Edizioni Pulcinoelefante, Osnago, 2008
Mostra Floreani e di T.K., Paesaggi immaginari, a cura di L. Conti, Poliart, Sorvoli, quaderni d’arte e di poesia. Milano, 2010
A vìzözön mondja, Vàlogatott versek, traduzione in ungherese di E. Szkàrosi, Magyar Muhely Kiadò, Budapest, 2011
Poemetto gastronomico e altri nutrimenti, Jaca Book, Milano, 2012
Quarantacinque poesie 1952-1961, Nomos Edizioni, Busto Arsizio, 2012
Jenseits des Wälder, Episches Traumgedicht, traduzione tedesca di A. Staude, Pop Verlag, Ludwigsburg, 2013
Lampi, Gattili, Cologno Monzese, ottobre 2013
Una scintilla d’oro a Castiglione Olona e altre poesie, Effigie, Milano, 2014
107 incontri con la prosa e la poesia, Edizioni del Verri, Milano, 2015

Antologías

A cura di Thall, con Raffaele Perrotta e Alessandro Casiccia, s.e., Milano, 1968
Lotta poetica 11, a cura di Sarenco e Paul de Vree, Edizioni Amadulo, Milanino sul Garda, aprile 1972
La parola innamorata. I poeti nuovi 1976-1978, a cura di Giancarlo Pontiggia e Enzo Di Mauro, Feltrinelli, Milano, 1978
Poesia degli anni settanta, a cura di A. Porta, prefazione di E. Siciliano, Feltrinelli, Milano, 1979
Poesia italiana oggi, a cura di M. Lunetta, Newton Compton, Roma, 1981
Poesia erotica italiana del novecento, a cura di C. Villa, Newton Compton, Roma, 1981
Italian Poetry, 1960-198O: from Neo to Post- Avantgarde, edited by A. Spatola e P. Vangelisti, Invisible City, 2, San Francisco & Los Angeles, 1982
Poeti italiani degli ultimi anni, a cura di A. Spatola, la battana, 1982
L’anno di poesia, 1986, a cura di R. Mussapi, Jaca Book, Milano, 1986
Almanacco dello Specchio, n. 12, a cura di M. Forti, Mondadori, Milano, 1986
Poetica mente Milano, a cura di A. Porta e G. Raboni, Rizzardi ed., Milano, 1989
Veinticinco anos de poesia en Italia (De la neovanguardia a nuestros dias), a cura di J. Castro e E. Coco, Cordoba, 1990
Roberto Ciaccio, di G. Beringheli, T. Kemeny, E. Pontiggia, P. Bellasi e R. Ciaccio, Arnoldo Mondadori Arte, Milano, 1991
Une autre antologie, Première Biennale Internationale Val-de-Marne, a cura di H. Deluy, Fourbis, Paris, 1992
Poesia italiana del Novecento, a cura di E. Krumm e T. Rossi, Skira ed., Milano, 1995
Italian Poetry Festival, The Scottish Connection, Edinburgh, 1999
El fuego y las brasas, poesia italiana contemporanea, a cura E. Coco, Sial ediciones, 2001
Proceedings of a festival of italian poetry and esoteric studies, The College of Charleston, edited by M. Maggiari, Agorà edizioni, La Spezia, 2003
The Waters of Hermes, Poetry&Shamanism, La Finestra, Trento, 2004
Parliamo di fiori, a cura di V. Guarracino, Zanetto editore, Montichiari, 2005
The Waters of Hermes, Poetry&Wisdom, La Finestra, Trento, 2006
Inspired by Byron, Shenker Culture Club, Roma, 2007
Matrix, Die tiefen Gezeiten“ Einleitung zum Mitomdernismo, Die Dichter dieser Welt, Pop Verlag, Heidelberg, 2007
Poeti ungheresi e la rivoluzione del 1956, a cura di P. Sarkozy e P. Tellina, Casa Ed. Università La Sapienza, Roma, 2007
Com’api armoniose, a cura di S. Boccardi, Vallecchi, 2008
Il corpo segreto. Corpo ed Eros nella poesia maschile, a cura di Luigi Cannillo, Lieto Colle, Milano, 2008
Poesia y pensamiento poético, Serta, Revista Iberoromànica 10, Uned, Madrid, “2008/2009, pp. 448-453
Tomaso Kemeny, Avventura Sesta (La negazione del mondo), con un commento di Sandro Gros-Pietro, in Vernice, rivista di formazione e cultura, Genesi Editrice, Torino, 1.2009
Argonauti nel Golfo di Afrodite, a cura di Angelo Tonelli, Arcipelago Edizioni, Milano, 2010
Poesie in Europa 2010, Europaisches Festival der Poesie, Vienna, a cura di Dante Marianacci e Robert Huez, Italienisches Kulturinstitut&Literaturhaus, Wien, 2010
Carovana dei versi poesia in azione, Abrigliasciolta, Varese, 2011
Animalidiversi, Antologia di poesie contemporanee sugli animali, a cura di E. Guerracino, Nomos Edizioni, Busto Arsizio, 2011
Almanacco dello Specchio 2010-2011, Mondadori, Milano, 2011
Tomaso Kemeny, “VII sospiri di Felix per Leda”, Paragone, Letteratura, 96/97/98, Servizi Editoriali, Firenze, agosto-dicembre 2011
Tomaso Kemeny, “Il poeta è un morto che cammina?”, Poesia, n. 285, Milano, settembre 2013
Tomaso Kemeny, “Antologia di poeti italiani e turchi”, a cura di Vito Intini e Mentin Cengiz, Grafiche Vito Radio Editore, Putignano, 2013
“Quattro passi nello stile. Lo scatto in avanti di dieci fotografi e un poeta”, Amica, n. 10, Mondadori, Milano, ottobre 2013
Luci e ombre Mitomoderniste, a cura di Chicca Morone, Attini Arte, Torino, dicembre 2013
Poésie pour la Syrie - Le Pays est une pâle frontière, Anthologie solidaire initiée par Khal Torabully, janvier 2014
Tomaso Kemeny, “L’amore della vita senza argini in casa Shelley”, in Poesia mitomodernista oggi per un nuovo romanticismo, a cura di Flaminio Biagi e Massimo Maggiari, Edizioni Antonio Attini, Torino, 2014
Orizzonti culturali italo-romeni, Rivista interculturale bilingue, n. 3, marzo 2014
Narrativa[modifica | modifica wikitesto]
Un insuccesso, in Il Piccolo Hans (rivista di analisi materialistica), n.21, Dedalo libri, Bari, gennaio/marzo 1979
Don Giovanni innamorato, Es, Biblioteca dell’Eros, Milano, 2003
Natale 1944, in Canti di Natale, a cura di A. Baruzzi, i quaderni del circolo degli artisti, Faenza, 2005
7 Avventure, in Il Verri, n. 54, Milano, febbraio 2014

Teatro

La conquista della scena e del mondo. Sei drammi-lampo, edizioni Greco & Greco, Milano, 1997
La Festa di Dioniso, un dramma-lampo mitomodernista, in Retorica ftm, Istituto di Skriptura, Bruxelles, 28, IV, 1998

Traduzioni

Testi di Friedrich Schiller, William Wordsworth, Endre Ady, André Breton e Dylan Thomas, in La lirica d’Occidente, dagli Inni Omerici al Novecento, a cura di Giuseppe Conte, Guanda Editore, Parma, 1990
Notturno (55 a.C.- 1992), testi scelti e tradotti di Endre Ady, Stéphane Mallarmé, Filodemo da Gàdara, William Wordworth, Vincente Aleixandre, Johann Wolfgang Goethe e Ovidio, con un’acquaforte di Mimmo Paladino, Edizioni Rizzardi, Milano, 1992
Byron, Opere scelte, traduzione e curatela, Mondadori, Milano, 1993
Ch. Marlowe, Ero e Leandro, con un’opera di Michelangelo Pistoletto, Edizioni Rizzardi, Milano, 1994
Attila Jòzsef, Flòra, amore mio, traduzione delle poesie e prefazione, Bulzoni Editore, Roma, 1995
Inverno ungherese di Endre Ady, in Poesia della traduzione, a cura di Alberto Bretoni e Alberto Cappi, Comune di Mantova, Archivio della Poesia del ‘900, editoriale sometti, Mantova, 1999
Kosztolànyi Dezso, 40 Poesie, RS, Rivista di Studi Ungheresi, III, Università la Sapienza, Roma, 2004
Attila Jòzsef, Poesie scelte, Lithos, Accademia d’Ungheria, Roma, 2005 (Premio speciale per la traduzione G. Acerbi, 2006)
Attila Jòzsef, Il mendicante di bellezza, con 7 dipinti di pittori ungheresi, il Faggio, Milano, 2008
Yang Lian, La bellezza tirannica della forma erosa, 6 poesie, Arcipelago edizioni, Milano, 2008
Szöcs Géza, Parola di pellerossa per radio, Casa della Poesia Milano, Mercutio Budapest, 2008
Byron, Opere scelte, I Grandi Poeti, Il Sole 24 Ore, Milano, giugno 2008
Vari Poeti Ungheresi Contemporanei volti in Italiano, in I gemellaggi della poesia, Balatonfured-Arpino-Vienna, Fondazione Salvatore Quasimodo, Istituto di Cultura Italiano di Vienna, Fondazione Mastroianni, Balatonfured, 2010
Yang Lian, Il primato della poesia, traduzione e presentazione, in Poesia, n. 280, Fondazione Poesia, Milano, mar. 2013
Szöcs Géza, L’energia vivente del senso, traduzione di poesie e presentazione, in Poesia, n. 282, Fondazione Poesia, Milano, mag. 2013
Szöcs Géza, Szocs Gèza (il Carbonaro), La missione di Rasputin, Arcipelgao Edizioni, Novara, 2014
Szöcs Géza, Da dove arriva di notte, questo frullìo d'ali e il ridere tuo e il tuo pianto?, prefazione di Sebastiano Grasso, Edizioni Colophon, Belluno-Venezia, 2014
Scritti sulla traduzione[modifica | modifica wikitesto]
Nel labirinto del verso, in Congenialità e Traduzione, a cura di Paola Carbone, Mimesis, Milano, 1998
In Defence of Humanism, in Roberto Sanesi e l’arte del tradurre (a cura di T.K.), Supplemento a Il Confronto Letterario, 39, Schena editore, Fasano di Puglia, 2003
Nomadismo babelico', in Stare tra le lingue. Migrazioni, poesia, traduzione, a cura di Antonio Prete, Stefano Dal Bianco, Roberto Francavilla, Pietro Mann'i, San Cesario di Lecce, 2003
Il verso del traduttore, in Le varianti del traduttore (a cura di T.K. e Elena Montagna), Supplemento a Il Confronto Letterario, 41, Schena editore, Fasano di Puglia, 2004
Il mosaico del traduttore, in RSU, Rivista di studi ungheresi, IV, La Sapienza ed., Roma, 2005
Charles Olson, All things stand out against the sky, in Traduzionetradizione, 4, Edizioni Nuove Scritture, Milano, apr. 2009
Tradurre Jozsef Attila, intervento orale alla Casa della Poesia di Milano, Milano, ott. 2009
T.Kemeny, Ady nunc et semper, trad. ungherese di E. Szkàrosi, in Tempevolgy, dic. 2009



LA PASIÓN ES LA LUZ 

El fuego no seca la selva 
de las lágrimas, pero borra 
las sendas de la memoria. 
Resurge el espacio de la palabra 
libre de ruina y reliquia 
en un destello que enciende 
las tinieblas. La pasión es la luz 
que en el verso vuelve perdidamente 
y la muchacha sin rostro 
se quita el jersey rojo 
y sus senos rozan los dedos 
colmando las manos 
de su amante sin historia. 
¿O son los cielos que colman de astros 
esta página hecha cenizas?

Traducción de Emilio Coco



LA PASSIONE È LUCE 

Il fuoco non essicca la foresta 
delle lacrime ma cancella 
i sentieri della memoria. 
Lo spazio della parola risorge 
libera da rovina e reliquia
in un guizzo che incendia 
la tenebra. La passione è luce 
che nel verso torna perdutamente 
e la ragazza senza volto 
si toglie la rossa maglia 
e i suoi seni sfiorano le dita 
riempiendo le mani 
del suo amante senza storia. 
O sono i cieli a riempire di astri 
questa incenerita pagina?




Escribir poesía

Escribir poesía 
es partir el pan
caliente de los sueños, 
arrojar la miga
a las gaviotas que aparecen
en la orilla secreta. 
Rara vez
la miga se detiene en lo alto 
y suspendida sobre los mares
convierte en un ángel
a la gaviota
que parece surgir ahora
de nubes de gracia 
para despertar a la tierra 
a la nueva melodía.

Traducción Germain Droogenbroodt – Rafael Carcelén



Scrivere Poesia 

Scrivere poesia 
è spezzare il caldo 
pane dei sogni, 
lanciare la mollica
a gabbiani apparsi 
sulla segreta riva.  
Di rado 
la midolla s'arresta in alto  
e sospesa sui mari 
converte in angelo 
il gabbiano
che pare emergere allora  
da nubi di grazia  
per destare la terra 
alla nuova melodia.




Il canto delle Muse

Più t’amo, più la notte
sfavilla insaziata.
La tua grazia arde come frutto
agli altri uomini interdetto
e agli Dei. Ebbra di vita
ogni tua movenza
zittisce il mondo
e nella polvere dei giorni
il canto delle Muse riporta.



Sotto la pioggia

Sì, sì sotto la pioggia la primavera canta
come un notturno mai composto
da Fryderyk Chopin e si ubriaca
del proprio canto-canto contrappuntato
dal vento

Ma se il vento tace e la pioggia
sull’asfalto, sull’albero, sui tetti
tamburella, il suo triste notturno
canto scora e c’è chi non sa trattenersi
dal pianto



L’autentico demone furibondo

Sonora metamorfosi della mia persona
in una partitura inseparabile dall’idea di bellezza

Misteriosa forza forse ctonia e sinfonia
per la costruzione di un mondo

Soffio vitale dell’universo per flauti
e oboe, dialogo con strumenti a corda

Ed ecco l’autentico demone furibondo
a orientarmi eroico in un turbinio di scintille

Flusso di cosmica energia che scorre
in una rete di vasi, ma orde
di mostri che non hanno seme invadono
la scena con musiche canagliesche

Dal fango pur striato di neve fresca
istrioni pagliacci clown emergono
con sussulti effimeri per mancanza
di una forma. Sonora, rosa mia,
salvami dal flaccido sbavare, nella veggenza.

Tomaso Kemeny da “Una scintilla d’oro a Castiglione Olona”, Effigie, Milano, 2014




Da La rima non scalda (Dialogo libri, Como, 2000)

“ Mi accende?”

“Sono un legionario inattuale
dell’immaginazione creatrice.”
“Mi accende?” rispose la sconosciuta
-labbra tumide celebrarono baci
a varcare la soglia dell’incanto.
Fianchi da amatrice reclamarono
un letto imperiale. Sotto la maglia
estiva il respiro innalzò
il prodigio di seni donativi.
“Per te nulla esiste oltre il seno?”
Chiese, poi, fatale bloccandomi il respiro.
“no, non esiste”, risposi e accesi
la sigaretta a chi in quella notte
lontana m’incenerì il cuore.




Da Se il mondo non finisce (1980 – 2003) (I quaderni del circolo degli artisti, Faenza 2002, con illustrazioni di Loredana Cerveglieri):

“Ninna-nanna del porco mondo
la mia vita t’appartiene
e si trasforma di colpo
in un incubo a cinque stelle…
Ma chi cavalcherà la tempesta
alla testa dei giovani, dei vecchi, dei decrepiti?
Chi disgregherà lo smercio dei ritmi
spenti? Chi ruggirà
la gioia di vivere?
Chi suggerà la luce
dalle poppe stellate
della notte sconfinata?”


La Parola

La parola sorse
da crateri di luce
e creò un mondo sradicato
dal proprio principio, fino
alla fine dei tempi irripetibile.
Ma tu ascolta
solo la parola che scaturisce
dalle fenditure del tempo
e trapela dai circuiti del silenzio
nel medesimo fremito celando
carne e polvere.










No hay comentarios:

Publicar un comentario en la entrada